Italia VS Usa: un’Italiana in Texas

Italia VS Usa: un’Italiana in Texas

Un’associazione di idee e una domanda di mia suocera, ed ecco lo spunto per un articolo che credo possa stuzzicare la curiosità di qualcuno.

Parlando con mia suocera, di cucina ovviamente, e di ricette interessanti che si potevano fare per chi è intollerante al lievito, mi è capitato di iniziare il discorso con “Quando ero in Texas …”, ed ecco lo spunto per questo articolo della Rubrica.

Avete mai pensato quanto possa essere difficile per una Italiana trasferirsi negli States, che sia per pochi mesi (come nel mio caso) o per degli anni? Abitudini differenti, leggi differenti … e cucina differente! Ogni giorno scontrarsi con storpiature e “orrori” chiamati impropriamente “piatti italiani”.

La mia esperienza nel bellissimo territorio Texano è nata da un’opportunità di collaborazione in un Ranch di Gorgonville. In pratica, lavoravo coi cavalli (la mia altra grande passione, oltre la cucina!).

La prima sera a Gordonville organizzai una cenetta a casa mia, con la mia collega del Canada e un paio di amici. Il mio coninquilino italiano aveva fatto spesa, e io preparai un piatto di spaghetti cozze e vongole. E voi penserete: “E cosa c’è di complicato?”, già! Ma si stupirono quando mi videro sfumare il tutto con il vino bianco, e dopo fecero la scarpetta col pane nel sughetto delle cozze rimasto nella pentola 🙂

La parte più complicata negli States era trovare gli ingredienti più simili ai nostri nei vari Walmart, gestire le dosi di Baking Soda e Baking Powder, e trovare una passata di pomodoro con … solo pomodoro! In genere le “passate” che vendono sono arricchite già con degli aromi (basilico, aglio, cipolla ecc). Io sono riuscita a trovare, non senza fatica, dei barattoli di polpa di pomodoroso Biologica senza aromi aggiunti (e costava un occhio della testa, ovviamente!).

Per quanto riguarda poi le cene fuori, non tutti i ristoranti erano terribili, lo devo ammettere. Ma di ciò che là chiamavano “italiano”, c’era poco che lo fosse davvero.

Se andrete (o tornerete, come spero di fare io) nel territorio Texano, date un occhio alle mie esperienze riportate qui sotto. Alcune decisamente ottime, dove vi stra-consiglio di andare a mangiare, mentre altre … bhe, un’esperienza in più!

DOVE MANGIARE IN TEXAS ...

pizza italiana n texas

Pizzeria Testa - Frisco, Texas

Decisamente la migliore pizza all'Italiana che abbia mai mangiato nel territorio Texano! Una sera i nostri amici portarono me e la mia collega canadese fuori a cena, e siccome due su due eravamo italiani, optammo per mangiarci una pizza. Essendo i miei amici residenti in Texas da anni mi fidai ciecamente ... e feci bene! La pizzeria Testa è stata una rivelazione! Pizza con cornicione alto e soffice. Optai per una "bufalina", con doppio pomodoro San Marzano, basilico e olio a crudo. Che meraviglia!!!

hoochies platter

Hoochies Oyster House - Denton, Texas

Mi hanno raccontato questo piatto in diversi modi. Mi hanno detto essere originario dell'Illinois (?), altri mi hanno detto "è un piatto messicano", ho provato a documentarmi ma quello che so per certo è che l' Hoochie Platter l'ho assaggiato solo da Hoochies Oyster House. In sintesi è un piatto di gamberoni, pannocchie, salsicce e patate, il tutto bollito (e non fritto o al forno, come si può pensare), accompagnato da salsine piccanti e agrodolci. Decisamente piacevole!

estillo-gaucho-frisco-picanha

Estilo Gaucho - Frisco, texas

Bhe, per il momento sto elencando solo posti dove ho davvero mangiato bene! Questo è un ristorante Brasiliano, dove la carne viene servita con tre tipologie di cottura (sangue, media o ben cotta) e viene tagliata da dei grossi spiedi di acciaio inox direttamente nel piatto del cliente. E' una sorta di "all you can eat" brasiliano (dove non si spende meno di 80$ a testa però ...) nel quale, girando un cartocino con una faccia rossa e una verde, decidi se continuare a mangiare o dire stop!

... E DOVE NO!

Sonic drive in - Denton, Texas

Non si può pensare all'America senza associarla ai Drive In, e mi è capitato di provare questo nello specifico. Una sera, finito tardi di lavorare e con niente nel frigo, chiamo la mia collega canadese e cerchiamo di reperire qualcosa per cena. Bhe, il risutato di questo tentativo di cena è stato un panino appena morsicato nell'immondizia, una bibita blu dal sapore dolciastro finita nello scarico del lavandino e una fame epocale! Ma nella vita le esperienze non sono mai abbastanza, no? 🙂

Spaghetti pasta with Meetballs ...

... in Tomato-Basil Souce, ovviamente! Non ho mai capito se, chi lo ha inventato, avesse voluto copiare il ragù Napoletano (che comunque non è per nulla così) o se davvero credono che in Italia il ragù sia fatto in questo modo. C'è da considerare però un'altro aspetto. In America mettono anche il petto di pollo fritto (la nostra cotoletta, in poche parole) sopra agli spaghetti, servendo il tutto con una bella dose di formaggio Cheddan fuso a copertura. Non avete idea di cosa sto parlando? Date un occhio all'immagine seguente 😉

Chicken parmesan with spaghetti marinara

La traduzione letterale suona più o meno così: "Parmigiana di pollo con spaghetti alla marinara". In pratica ci troviamo davanti a una cotoletta di pollo, con del formaggio fuso in cima, sopra a un piatto di pasta con del sugo al pomdoro (che chamano erroneamente "alla marinara") con aggiunta di aglio, pepe, origano, basilico, peperoncino e spezie varie secondo gusto. Non è di facile concezione per un'Italiana ...

Questo articolo non vuole essere una critica. Come noi abbiamo la nostra cultura nel mangiare loro hanno la loro.

C’è una buona dose di Italiani nel territorio americano che ha creato la loro “Little Italy” e ha esportato egregiamente le nostre tradizioni a tavola. E se persone di altri paesi, con altre abitudini e culture, hanno apprezzato e continuano a farlo la nostra cucina, è perchè (e qui entra in gioco la mia dose di patriottismo e tradizionalismo) noi Italini, ai fornelli, siamo insuperabili! 😀

 

– 𝑪𝒉𝒊𝒄𝒄𝒂

 

 

MOMENTI CON AMICI

Potrebbero interessarti anche questi articoli!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *