Anolini in brodo Piacentini

Anolini in brodo Piacentini

Il vero Piacentino sa come si preparano, cucinano e servono gli anolini (anvèi) in brodo. E che lo stracotto deve essere fatto a regola d’arte. E’ il primo piatto per eccellenza nelle feste di natale sulle tavole di Piacenza e provincia, è la ricetta che le nonne tramandavano alle nipoti quando, prima della vigilia, li preparavano, contandoli uno per uno, perchè ogni persona al tavolo doveva averne il giusto numero. E’ una tradizione … e un pezzo di storia di ogni piacentino DOC!

 OGNI ZONA NE HA LA SUA VERSIONE –

Tra le varianti che si possono trovare sul territorio piacentino, in particolare vi è quella diffusa in Val d’Arda che propone il ripieno senza stracotto, ma solo con pane e formaggio grana inumiditi nel brodo o nel sugo dello stracotto, uova e le spezie proposte nella ricetta precedente.

DOSI PER 4 PERSONE

400gr di farina
4 uova
pizzico di sale
stracotto (VEDI QUI)
pangrattato q.b.
formaggio grana grattugiato
noce moscata q.b.
brodo

COME FARE GLI ANOLINI IN BRODO

Con 400gr di farina, le uova ed un pizzico di sale, stendete una foglia sottile e tagliatela in strisce di circa 10 cm; su un lato disponete tante palline di ripieno alla distanza di 5 o 6 cm.

Ripiegate la striscia in modo da coprirle, premete la pasta leggermente fra un pallina e l’altra e tagliate gli anolini con l’apposita forma rotonda.

Oppure utilizzate un bicchierino di vetro, ricavando delle “mezzelune” che andranno premute tutte intorno per evitare la fuoruscita del ripieno.

Cuocete in brodo “in terza” (manzo, cappone e carne magra di maiale).

  • MEDIA
  • ALMENO 6 ORE PER LO STRACOTTO
  • ALMENO 3/4 ORE PER IL BRODO DI CARNE IN PENTOLA NORMALE (DIMEZZATE I TEMPI IN PENTOLA A PRESSIONE)
  • 10 MINUTI PER GLI ANOLINI
  • LO STRACOTTO NECESSITA DI UNA COTTURA MOLTO LENTA E A BASSA TEMPERATURA, PER FAR SI CHE LA CARNE RISULTI MORBIDA E SAPORITA.

  • IL BRODO IN PENTOLA NORMALE DEVE CUOCERE A TEMPERATURA MODERATA, NON DEVE MAI BOLLIRE!

Potrebbero interessarti anche questi articoli!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *